Ulevate Group

We Are Networkers!

Cerca
Close this search box.

Jeunesse Global, ecco perché l’ho lasciata

Scrivere questo articolo per me è un po’ complicato. Non perché non sia convinto della mia decisione o perché abbia paura di avere ripercussioni (da chi, poi?), ma perché la mia relazione con Jeunesse e con le mie ex-upline potrei definirla come un amore non corrisposto.

Hai presente quando dai tutto quello che ti senti per una causa/relazione/quellochetipare e poi scopri che metà delle cose che si dicevano…erano balle? Ecco, più o meno è uguale. E adesso voglio raccontarti la mia esperienza personale con Jeunesse Global.

PREMESSA IMPORTANTE: quelli che leggerai sono fatti capitati a me nel mio percorso. Non è un attacco né all’azienda (che nonostante tutto può anche andare bene) né a qualsivoglia incaricato Jeunesse. Se ti senti offeso, mi spiace, la mia esperienza è stata proprio quella che leggerai.

JEUNESSE, DI COSA STIAMO PARLANDO?

Presumo che tu sappia già di che azienda stiamo parlando. Un’azienda nel settore antiage, bellezza e benessere che, oggettivamente, ha fatto dei numeri molto importanti. Non per niente, viene chiamata anche “l’azienda dei record”.

Il primo miliardo di fatturato raggiunto e mantenuto dopo solo sei anni dall’apertura, numerosi premi ottenuti in vari campi e prodotti che promettono risultati eccezionali.

Ma allora perché l’ho lasciata? Sono scemo?

TUTTA LA VERITÀ

Ci ho creduto tanto in Jeunesse, conoscevo i prodotti a memoria, stimavo un sacco il mio sponsor e le mie upline e mi fidavo di tutti i consigli che mi davano.

In pratica, avevo occhi solo per Jeunesse.

Le uniche rimostranze che avevo erano verso il sistema di lavoro che mi propinavano. Solito sistema che passa tramite la lista nomi. Già visto e rivisto, non mi piaceva per niente.

Ma andava bene lo stesso, l’azienda e i prodotti mi piacevano, e avevo deciso di costruirmi il mio di sistema. Un sistema senza lista nomi.

Ma allora cos’è successo? Varie cose. Vari campanelli d’allarme che piano piano si sono fatti più forti. E alla fine il botto. Alla fine, ho deciso di cambiare azienda.

PARLIAMO DEI PRODOTTI?

Sulla qualità dei prodotti non ho molto da dire. Sono assolutamente di qualità, anche perché altrimenti un siero antirughe a 160€ non lo ricomprerebbe nessuno, se non fosse di qualità.

Però devo ammetterlo, forse il prezzo per certi prodotti era particolarmente alto.

E adesso che ci penso, ed è solo una mia ipotesi, sembrava quasi che i prezzi giusti di mercato fossero quelli riservati ai distributori, a cui poi veniva aggiunto un ricarico assurdo e presentati al pubblico.

Ma in realtà a me interessava fino a un certo punto, so bene che il target per questi prodotti a questi prezzi esiste, e infatti i venditori top ce li avevamo in struttura.

Solo che io ho scelto il Network Marketing anche per il gusto di lavorare in squadra e aiutare gli altri a guadagnare e, vedendo la difficoltà enorme dei miei collaboratori nel vendere questi prodotti, è diventato un punto da valutare.

VENDITA DIRETTA O “CONSUMO” DIRETTO?

Per essere ritenuto attivo, e quindi avere diritto a tutte le commissioni, dovevi generare 60 punti mensili. L’equivalente di una spesa minima di circa 100€.

Non è tantissimo in realtà, se vogliamo fare un paragone con altre aziende, in Herbalife per esempio devi generare 5000 punti mensili.

Questi punti, in Jeunesse, li puoi generare con il consumo personale, oppure con la vendita.

E il discorso è proprio questo: le upline spingevano a generarli solo tramite consumo personale, perché “se non utilizzi il prodotto, come puoi pensare di riuscire a venderlo?” Davvero? Siamo seri?

In pratica, era un’attività che stava in piedi perché gli incaricati consumavano, non perché vendevano (con le dovute eccezioni, ovviamente)! Eppure, Jeunesse è un’azienda di VENDITA diretta.

FORMAZIONE SCADENTE

Ecco un punto per me molto importante. La formazione! Se io inizio un’attività online e non ho la formazione giusta che mi serve per avere dei risultati, forse qualcosa che non funziona c’è.

Mi sono trovato a iniziare questa attività con promesse stile “sistema infallibile e duplicabile”, “script di gestione del prospect”, “formazione per lavorare online” ecc.

Ecco, guardiamo queste tre promesse:

#1 Sistema infallibile e duplicabile

“Fai una lista di 50 persone, chiamale tutte nel giro di 48 ore e invitale alla presentazione!” Ecco il sistema infallibile e duplicabile, senza neanche spiegarmi cosa dire. In realtà due accenni sul come dirlo me l’hanno spiegato, almeno questo…

#2 Script di gestione del prospect

Qui non ho molto da dire…per caso tu hai visto qualche script? Perché magari hanno sbagliato a inviarli e sono arrivati a te invece che a me. Controlla anche nello SPAM!

Esatto, non ho mai visto neanche uno script. Quando li ho chiesti mi è stato detto che sono inutili, non esiste lo script magico che va bene per tutte le conversazioni. E sono d’accordo, davvero. Ma allora non prometterli durante la presentazione, no?

#3 Formazione per lavorare online

La formazione c’era, diciamo che probabilmente le parti migliori erano riservate a quelli di livello più alto. Come se dovessimo dimostrare di “essere degni”. Ma ok, va bene.

E questa formazione per lavorare online? Molto scarsa, sinceramente…tutto quello che ho imparato l’ho imparato da solo. In più, il mio sponsor mi ha reclutato online, per poi insegnarmi a lavorare offline. Assurdo, vero?

A tutto questo aggiungici che il mio sponsor di punto in bianco è sparito, e io mi sono trovato a lavorare con la moglie. In pratica un cambio sponsor involontario.

Ma fa niente, mi sono fatto scivolare tutto addosso. Come dicevo prima: l’azienda e i prodotti mi piacevano e sapevo già che avrei dovuto farmi il mazzo per arrivare dove volevo.

Avevo già capito che le mie upline e il mio Sponsor non mi avrebbero aiutato più di tanto.

MA ALLORA, PERCHÉ HO LASCIATO JEUNESSE?

Io continuavo a lavorare con il mio metodo, e devo dirla tutta: i risultati arrivavano! In più mi stavo anche divertendo, quindi perfetto, sembrava stesse andando tutto alla grande.

Poi è arrivata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E ti avverto già che magari per te non è niente, ma a me ha completamente distrutto la fiducia che avevo nel mio sponsor e nelle mie upline.

La “bugia finale”

La farò breve. Nelle varie formazioni sui prodotti che facevamo, si parlava sempre di questo brevetto APT-200. Brevetto che aveva Jeunesse in esclusiva per la linea Luminesce®.

A un certo punto, grazie ad un’esperienza di mia moglie completamente esterna al Network Marketing, mi è venuto il dubbio…esisterà davvero questo brevetto?

Ho fatto qualche ricerca, ho anche chiesto a un amico avvocato che si occupa proprio di proprietà intellettuali. Beh, prova a dire?

NON ESISTE NESSUN BREVETTO APPROVATO.
(Esiste solo una richiesta di brevetto, che a livello legale è molto diverso)

Boom. Tutto il team aveva perso irrimediabilmente la mia fiducia.

In pratica la mia upline mi mandava in giro a dire falsità enormi e potenzialmente pericolose a livello legale. Molto bene, direi che vi siete dimostrati per quello che siete davvero.

Ah, se vuoi vedere con i tuoi occhi, clicca qui e cerca “Rinati Skin LLC”, ecco i due brevetti di cui sto parlando. Come vedi c’è scritto “pending” in tutti e due.

Ovviamente sono pronto a rimangiarmi tutto e a scusarmi, se qualcuno avesse intenzione di darmi la prova dell’esistenza di questi brevetti. 😉

Ecco, quindi, la vera “mazzata finale”

Ecco il momento in cui ho deciso di cambiare azienda. Mi sono volutamente fermato per qualche settimana, per valutare ogni singolo aspetto dell’azienda che avrei scelto.

Ho fatto ricerche sui vari brevetti che dicevano di avere, sulle varie testimonianze, sulle varie sanzioni ecc. in pratica ho cercato tutto quello che mi veniva in mente.

E sono rimasto soddisfatto. I brevetti esistono, le testimonianze sono vere e di sanzioni non ne ho trovata neanche una.

Chiudo con una nota positiva, la lezione che ho imparato, fondamentale per la mia crescita:

non credere MAI ciecamente a quello che ti dice la tua upline, anche se è a un livello più alto del tuo.

Fai sempre le tue ricerche prima di dire falsità alle persone intorno a te, ne va della tua integrità. E tu sei una persona onesta e integra, vero?

Al tuo successo!
Cheers, mate!

Facebook
WhatsApp
LinkedIn

Potrebbe piacerti anche...

Andrea Moretti
Andrea Moretti
In missione per ripulire il Network Marketing e il Business Online, dalla fuffa e dai parassiti. Ambizioso? Sempre.